Vai al contenuto

Ricetta torta pasqualina vegan

Oggi, ispirata dall’aria primaverile, ho cucinato qualcosa di buono. In frigo avevo tutti gli ingredienti necessari per creare la torta pasqualina in versione vegetale. Nella mia famiglia questo è un piatto tradizionale che viene consumato tutto l’anno, non solo a Pasqua!  

Curiosità nutrizionali

Questa ricetta è ricca di calcio, contenuto in: carciofi (86mg/100g), maggiorana (1990mg/100g) e tofu, in base al tipo di agente coagulante utilizzato (nigari 300mg/100g – solfato di calcio: 700mg/100mg).

La torta pasqualina vegan è un pasto completo di tutti i macronutrienti (proteine, grassi e carboidrati) e saziante. Può essere preparata in anticipo, conservata in frigo in un contenitore e messa in borsa per una pausa pranzo gustosa. 

Ricorda: se sei interessat* a sapere di più sull’alimentazione vegetale, puoi contattarmi qui oppure prenotare una consulenza, sarò felice di aiutarti.

Non mi dilungo oltre, procediamo!

La ricetta

Le porzioni sono molto soggettive
Possono variare in base al tempo trascorso dal pasto precedente, all’attività fisica svolta e molto altro. Questi fattori possono o meno modificare il senso di fame percepito.

Ed è proprio il senso di fame lo stimolo al quale ci dobbiamo affidare per capire se continuare a mangiare o se fermarci perché siamo soddisfatt*. Quella è la nostra porzione.

Ingredienti torta pasqualina vegan

Ingredienti

Per il ripieno

  • 500g di bietole
  • 3 carciofi grandi
  • 125 g di tofu al naturale (1 panetto)
  • 2 cucchiai da tavola di olio extravergine di oliva (EVO)
  • 1 cipolla piccola
  • il succo di 1/2 limone
  • sale e pepe q.b.

Per la sfoglia

  • 200g di farina di farro integrale (anche di frumento “00”, “0”, “1”, “2” e integrale vanno bene oppure per chi è celiac* il mix di farine senza glutine utilizzato abitualmente)
  • 50g + 1 cucchiaio di olio EVO
  • 60 – 80ml d’acqua fredda (varia in base al tipo di farina utilizzata)
  • 3g di sale (preferibilmente iodato)

Utensili

  • tagliere
  • coltello
  • pentola (per bollire le bietole)
  • ciotole abbastanza capienti
  • padella
  • tritatutto
  • mattarello
  • teglia del diametro di 24 cm

Procedimento

Ripieno

Prima di iniziare ricordati di lavare bene le mani. 

Pulire le bietole, e metterle a cuocere in una pentola con poca acqua portata a ebollizione. Coprire con un coperchio e far cuocere per 5-10 minuti. Una volta pronte, scolarle e lasciarle raffreddare.

Riempire una ciotola di acqua fredda e aggiungere il succo di mezzo limone. Accendere il forno a 180°. 

Pulire i carciofi eliminando le foglie esterne più dure e tagliare la parte del gambo. Tagliare poi l’estremità superiore dei carciofi.

Pulizia carciofi
Fai attenzione mentre togli le foglie, tieni il carciofo al di sotto delle spine.

Tagliare il carciofo a metà in verticale e poi in orizzontale, in modo da ottenere 4 parti uguali, poi togliere la “barba” del carciofo come nella foto a destra.

Taglio carciofi e pulizia parte interna
Ricorda di togliere tutte le spine, ce ne sono alcune piccole che potresti non vedere

Una volta pulito, inserire il carciofo nella ciotola con acqua e limone. Ripetere questo procedimento per tutti i carciofi. Tagliare i quarti di carciofo in pezzetti più piccoli, come nella figura a destra. 

Pulizia e ammollo carciofi
Il limone evita l'ossidazione dei carciofi e non li fa scurire

Otterrete una forma concava.

Ora tagliare la cipolla e farla soffriggere in padella con un cucchiaio d’olio a fuoco medio. Scolare e sciacquare bene i carciofi (l’acqua sarà marroncina e aspra) e poi scolarli di nuovo. Inserirli in padella e far cuocere per 5-10 minuti aggiungendo un bicchiere d’acqua e coprendo con un coperchio. 

Taglio cipolla e soffritto carciofi
Per evitare che la cipolla abbia lo stesso effetto di un film strappalacrime, puoi bagnarla una volta spellata, prima di procedere con il taglio

Una volta cotti, aggiungere le bietole. Sciacquare il tofu sotto l’acqua e spezzettarlo dentro un tritatutto. 

Carciofi in padella

Aggiungere la maggiorana, e frullare fino ad ottenere un composto cremoso. Io ho messo 3 rametti di maggiorana, perché mi piace tantissimo il profumo che da alla torta. Ovviamente va a gusti, perciò scegliete voi la quantità che preferite. 

Frullare tofu e maggiorana
La maggiorana conferisce alla torta un gusto tipico alla torta, se non l'hai mai provata questo è il momento giusto

Aggiungere a bietole e carciofi il tofu frullato e far passare qualche minuto in padella a fuoco medio. Mettere il composto in una ciotola, aggiustare di sale e pepe e aggiungere il 2° cucchiaio d’olio.

Passare bietole, carciofi e tofu in padella

Sfoglia

In una ciotola aggiungere la farina e il sale, poi l’olio e iniziare a mescolare con una forchetta. Si formerà un composto sabbioso.

Preparazione sfoglia

A questo punto aggiungere l’acqua poca alla volta continuando a mescolare. 

In base al tipo di farina utilizzata, questa andrà ad assorbire più o meno acqua. Se vi accorgete di averne messa troppa, aggiungete un po’ di farina, fino ad ottenere un impasto compatto e omogeneo. 

Impastare con le mani fino a formare una pallina e inserirla in una ciotola da riporre in frigo per 15 minuti circa.

Impasto sfoglia

Togliere la pallina dal frigo, infarinare il piano su cui andrete a stendere la sfoglia e dividerla a metà. Iniziare a stendere una delle due parti con il mattarello fino ad ottenere una sfoglia rotonda di 2-3 mm. Fare lo stesso con l’altra metà. 

Foderare la teglia con carta forno (io utilizzo quella biodegradabile) oppure oliare e spolverare con della farina facendola aderire bene a tutta la teglia.

Stesura sfoglia

Inserire il ripieno all’interno della sfoglia, prendere l’altra metà e coprire. Chiudere i bordi della torta nel modo in cui siete abituat*. 

Riempire sfoglia e chiudere i bordi

Ungere la superficie della torta con l’olio evo, bordi compresi, aiutandovi con un pennellino da cucina (nel caso in cui non lo aveste, anche le mani ben pulite fanno il loro lavoro).

Infornare a 180° per 20 minuti circa

Il tempo di cottura può variare da forno a forno. Il mio è ventilato e cuoce abbastanza velocemente. 

Controllatela ogni 5-10 minuti. Una volta cotta risulterà leggermente dorata

oliare torta pasqualina
Questo passaggio conferisce croccantezza alla torta, non saltarlo!
torta pasqualina cotta

Quando sarà pronta, toglietela dal forno e lasciatela raffreddare su una griglia (io uso il supporto dei fornelli perché non sono attrezzata a dovere).

Et voilà! Ecco la vostra torta pasqualina vegan.
Può essere consumata da sola come piatto unico oppure inclusa in un pasto con altre verdure, legumi e cereali o tuberi. 

Ad esempio: un quarto di torta + zucchine e patate cotte al vapore + fagioli bianchi di spagna conditi con olio evo, sale e origano. Mettete in gioco la vostra fantasia! 

Se la provate fatemi sapere qui sotto nei commenti o scrivetemi sulla mia pagina instagram!

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi